Lievito madre

Come si fa ad ottenere il  lievito madre?

In realtà non è così difficile…naturalmente basta avere pazienza, ci vuole tempo! Cosa poco abituale oggi!

Acqua e farina, all’inizio in eguali quantità, lasciate in un luogo a temperatura ambiente, in un contenitore di vetro meglio, coperto con un panno ma anche con pellicola . La farina? Di buona qualità e non raffinata in modo che il germe del grano all’interno dia nutrimento e sia profumata , quindi una farina integrale o semintegrale oppure una grano duro…

Si lascia l’impasto a fermentare ( c’è chi mette degli zuccheri per aiutare la fermentazione tipo miele o mosto d’uva o polpa di mele, ma io preferisco di no), e nei giorni a venire si rinfresca con acqua e farina ( sempre la stessa), fino a quando comincia ad acidificare spontaneamente, permettendo così lo sviluppo di varie specie di batteri.

Si avrà una fermentazione acido-lattica al contrario di quella alcolica ottenuta con il lievito di birra.

Dopo che avrete coccolato per circa un mesetto il vostro impasto si vedranno i primi risultati per raggiungerli pienamente  al 3° mese…. all’incirca così…

Questo slideshow richiede JavaScript.